Un team come pochi

Nell’autunno del 2014 ho tenuto un corso che avrebbe impattato non poco nel mio lavoro nei mesi a venire. Solo che al momento non lo sapevo. Quella mattina arrivano tre figure: Davide, Sabrina ed Ivano. Ufficialmente avevano bisogno di un corso di architettura del software, implementata attraverso .NET Framework con C# attraverso un’applicazione desktop WPF. Il loro obiettivo, una volta terminato il corso, era buttare via una vecchia applicazione C++ scritta negli anni ’90, che ormai stava diventando davvero antiquata ed ingestibile, per riscriverla con tecnologie più moderne ed al passo con i tempi.

Il corso è durato soltanto qualche giorno, al termine del quale è stata richiesta la mia collaborazione al progetto. Beh, alla fine abbiamo lavorato assieme per circa quattro anni. Io per la maggior parte del tempo lavoravo da casa, in autonomia; una volta al mese andavo in trasferta per un paio di giorni in sede, dal cliente, che è praticamente ad un tiro di schioppo dall’aeroporto di Malpensa. Quello che è saltato fuori alla fine di tutto è una bella applicazione Windows Presentation Foundation, con Model-View-ViewModel fatto come dio comanda, repository, separation of concerns, dependency injection, Entity Framework, unit-testing, etc. etc. Non voglio scendere nei dettagli, ma devo dire che è stata una bella sfida. Abbiamo inserito spunti di reflection e di Roslyn per la compilazione dinamica. Abbiamo utilizzato pesantemente i controlli Infragistics, in qualche caso ristilizzando molti componenti WPF per adattarli alla user experience voluta dal cliente. E’ stato bello ed intenso, a tratti un po’ complicato per la difficoltà di coordinamento tra gli sviluppi da fare e le altre mie attività a cui venivo assegnato.

Eccoci qua. Da sinistra verso destra: Davide M. – Sabrina P. – Ivano R.

Di loro tre ricordo con piacere il clima divertente e costruttivo con il quale si lavorava, tutti i pranzi nella mensa aziendale, le serate al pub, la serata in pizzeria per festeggiare il mio compleanno. Ricordo una serata particolare con Davide passata da un pub all’altro, quando poi mi riaccompagnò in hotel alle ore 2:00: ed il giorno dopo eravamo tutti e due belli pimpanti davanti al nostro codice C#. Ricordo il supporto logistico di Davide quando squarciai la gomma della mia Honda Civic in una delle mie mattine in trasferta, andando a sbattere come un perfetto idiota contro un marciapiede di Cardano al Campo (Varese).

Adesso, avendo io cambiato azienda e ruolo, li ho abbandonati. Il prossimo software che dovranno scrivere (ho partecipato ad una prima analisi ed alla stesura di un prototipo funzionante) lo dovranno fare da soli, ma so per certo che sarà migliore del primo che abbiamo scritto assieme.

Ciao Davide! Ciao Sabrina! Ciao Ivano! In bocca al lupo!

Send to Kindle

Igor Damiani

La sua passione per l'informatica nasce nella prima metà degli anni '80, quando suo padre acquistò un Texas Instruments TI-99. Da allora ha continuato a seguire l'evoluzione sia hardware che software avvenuta nel corso degli anni. E' un utente, un videogiocatore ed uno sviluppatore software a tempo pieno. Igor ha lavorato e lavora anche oggi con le più moderne tecnologie Microsoft per lo sviluppo di applicazioni: .NET Framework, XAML, Universal Windows Platform, su diverse piattaforme, tra cui spiccano Windows 10 piattaforme mobile. Numerose sono le app che Igor ha creato e pubblicato sul marketplace sotto il nome VivendoByte, suo personale marchio di fabbrica. Adora mantenere i contatti attraverso Twitter e soprattutto attraverso gli eventi delle community .NET.

One thought on “Un team come pochi

  • 14 Ottobre 2018 in 21:43
    Permalink

    grande maestro. Grazie a te ho imparato tantissimo. In bocca al lupo!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.