Pubblicare sul Windows Store un’applicazione desktop nata in WPF

Come ho già venuto modo di dire in passato, CharMapMe è un’applicazione desktop finita sul Windows Store sotto forma di Universal Windows Platform. Come è avvenuto questo passaggio?

Tralasciamo i passaggi tecnologici, perchè sono ampiamente descritti in questo post sul blog di MSDN Italia. Ci tengo a raccontare alcune cose dietro le quinte, magari qualcosa che nessuno vi racconta. Innanzitutto, un normale account developer non ha i permessi per poter completare la submission di un package UWP: questo significa che quando entrate nella vostra dashboard ed inviate il package (file .appx), al termine dell’upload vi ritroverete con questo messaggio di errore.

image

Ho nascosto alcune informazioni sensibili. Il messaggio di errore più importante è il primo in elenco, ovvero: Package acceptance validation error: You need to accept the Centennial Early Adopter Program Addendum before you can submit this app. Se il vostro account developer non è stato ancora sbloccato, cliccare sul link non serve a nulla, perchè vi viene proposta una pagina completamente bianca, con un misero tasto Back per tornare indietro.

Come si procede, quindi? Dovete essere in contatto con un ingegnere Microsoft, al quale inviate il vostro .appx e prova l’installazione della vostra applicazione trasformata in UWP. Come glielo inviate? Nel mio caso, è stato attivata una piattaforma web di condivisione cifrata e protetta, dove ho potuto uploadare il file .appx. Se tutto va bene al primo colpo, come è successo a me, il flusso di lavoro si chiude piuttosto velocemente: l’ingegnere Microsoft approva l’app e sblocca il vostro account developer. A questo punto potete leggere, accettare il Centennial Early Adopter Program Addendum e procedere al completamento della submission come fareste di solito.

Aggiungo qualche nota per essere più esaustivo.

  1. Una volta che l’app è stata approvata secondo la procedura descritta qui sopra, diventa una normale app UWP. Questo significa che potete aggiornarla sullo Store in completa libertà, senza più necessità di intervento da parte dell’ingegnere Microsoft con cui avete lavorato all’inizio
  2. Nel mio caso, quindi, CharMapMe è stata certificata ed approvata, e si trova sul Windows Store. Posso aggiornarla autonomamente. Se un domani volessi convertire un’altra applicazione in UWP tramite il Desktop App Converter, dovrò richiedere nuovamente l’intervento di Microsoft per far approvare questa seconda applicazione
  3. Lo sblocco avviene a livello di account developer. Questo significa che quando tenterete l’invio di un package relativamente ad un’app successiva alla prima, non verrete più bloccati come mostrato nella prima immagine di questo post. Il package verrà accettato e potrete completare la submission, perchè il vostro account è stato sbloccato. Ma poi l’app verrà inesorabilmente bocciata, perchè – come dicevo al punto 2 – dovete chiedere l’intervento di Microsoft per ogni applicazione
  4. Da tutto ciò, si deduce che tutte le app convertire in UWP tramite il Desktop App Converter passano attraverso un processo di certificazione manuale

Direi che è tutto!

Send to Kindle

Igor Damiani

La sua passione per l'informatica nasce nella prima metà degli anni '80, quando suo padre acquistò un Texas Instruments TI-99. Da allora ha continuato a seguire l'evoluzione sia hardware che software avvenuta nel corso degli anni. E' un utente, un videogiocatore ed uno sviluppatore software a tempo pieno. Igor ha lavorato e lavora anche oggi con le più moderne tecnologie Microsoft per lo sviluppo di applicazioni: .NET Framework, XAML, Universal Windows Platform, su diverse piattaforme, tra cui spiccano Windows 10 piattaforme mobile. Numerose sono le app che Igor ha creato e pubblicato sul marketplace sotto il nome VivendoByte, suo personale marchio di fabbrica. Adora mantenere i contatti attraverso Twitter e soprattutto attraverso gli eventi delle community .NET.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.