Ago 20 / Igor Damiani

Il silenzio sui social

Ci sono regole non scritte grazie alle quali il mondo si regge. Sono le regole del buonsenso. Ma affinchè queste regole continuino a funzionare, è necessario che esse vengano costantemente rispettate e seguite da tutti. E’ sufficiente che una sola persona evada da questa visione per far saltare gli schemi. Immaginate un autista contromano, oppure qualcuno che continua a suonare all’impazzata i citofoni della palazzina dove vivete, volumi delle radio e delle TV al massimo livello, uno che salta la fila alle poste, e così via. Sarebbe l’anarchia, no?

Una di queste regole è quella che riguarda il silenzio sui social. E’ di pochi giorni fa il dramma che ha colpito la città di Genova, con il crollo del ponte Morandi, che ha purtroppo causato la morte di decine di persone, con feriti, sfollati, eccetera eccetera. Sui social ovviamente si è scatenata la bagarre, a torto o a ragione. Discussioni infinite sulle cause, su chi doveva intervenire, sui selfie dei vari personaggi politici che hanno partecipato ai funerali di stato, sugli allarmi inascoltati lanciati negli anni precedenti, sui fischi a quelli del PD & sugli applausi a quelli dell’attuale maggioranza. E, si sa, come sempre sui social ogni cosa è amplificata ed esasperata.

Ho visto anche qualche amico invocare un po’ di silenzio, nel segno del rispetto verso chi ha perso la vita e verso i loro familiari. Io personalmente sono anche d’accordo, ma come dicevo all’inizio, è necessario che questo silenzio sia rispettato da tutti, altrimenti il meccanismo non sta in piedi, ma proprio per niente. Non trovo corretto aprire il proprio profilo Facebook e vedere un elenco infinito di post e condivisioni che rappresentano solo una parte dell’opinione pubblica, a maggior ragione che non rappresenta il mio. Secondo me, stiamo vivendo un’epoca nella quale ciascuna deve fare la sua parte, esprimendo la propria idea ed opinione. Per dirla diversamente: immaginatevi di aprire Facebook e di trovare un elenco spropositato di sciocchezze e fake news (alcune oggettive, altre meno). Come reagireste? Non vi verrebbe voglia di gridare la vostra verità? Credo proprio di sì. Anche perchè il risultato di un eventuale vostro non agire, sarebbe ancora più disastroso: tutte le notizie che circolano sui social sarebbero di parte, non vi rappresentano. Dal mio punto di vista è come leggere continuamente che 1+1 fa 3. No, c’è qualcosa che non va.

Tra l’altro, ritengo che il silenzio sui social per certi versi non debba esistere. D’altronde, nei bar e nei luoghi pubblici le persone hanno sempre parlato tra di loro, anche di fronte a fatti di cronaca, per cui perchè questo non deve avvenire anche sui social? Semmai la cosa difficile è parlarsi e confrontarsi con educazione, garbo e rispetto l’uno dell’altro. Purtroppo i social ad oggi banalizzano molto il dialogo (per la serie: se non sei con me, allora sei contro di me), e lo rendono aspro, duro e violento. Chissà, magari un giorno questo atteggiamento svanirà, ma è molto più probabile che i social così come li conosciamo oggi spariranno, soppiantati da altre forme di comunicazione digitali.

Send to Kindle
Leave a Comment