L’importanza dei tempi morti

Partiamo da un semplice presupposto: noi umani non siamo macchine pensate per produrre solo ed esclusivamente profitto, e non siamo stati progettati per avere una availability lavorativa del 99,99%. Per vivere bene, a lungo ed in salute abbiamo bisogno dei nostri tempi morti, che vengono scioccamente chiamati così ma che invece non lo sono affatto, almeno per quanto mi riguarda. La notte, durante il sonno, noi non facciamo nulla di cosciente, ma il nostro cervello lavora comunque ed ha bisogno di farlo, e si occupa di attività che non potrebbe svolgere durante il giorno. Il sogno è una fra queste, ad esempio. E, credetemi, sognare serve.

Per questa ragione, mi preoccupa un po’ sentire parlare amici e colleghi di come diminuire i tempi morti nelle proprie giornate, allo scopo di ritagliare tempo per il lavoro. Oggi si sta cavalcando moltissimo l’idea della macchina che guida da sola, e tantissimi (giustamente?) non vedono l’ora che diventi realtà. “Sai quanto tempo potremmo guadagnare ogni giorno?”, “Sai quanto tempo passo in coda per andare al lavoro?”. Certo, ovviamente, ovvio che in queste circostanze l’auto a guida autonoma potrebbe tornare utile. Ma mi dà terribilmente fastidio vedere come ci siano persone disposte a tutto pur di guadagnare tempo. Fidatevi: il tempo non basta mai, se riempiamo troppo le nostre giornate. Sarebbe una continua rincorsa. Non per niente a volte si afferma di aver bisogno di giornate da 48 ore. In futuro qualcuno potrebbe proporre di non dormire così tanto, o che mangiare come facciamo oggi è del tutto inutile (potremmo ingoiare una pillola in 15 secondi con tutte le sostanze che abbiamo bisogno), etc. etc. Passare del tempo bloccati in auto è ovvio che è una perdita di tempo, ma sarebbe una perdita di tempo anche un serata in pessima compagnia o un pranzo indigesto; la soluzione ad un pranzo indigesto non è evitare di mangiare, ma è mangiare meglio. La soluzione ad un viaggio in auto andato storto non è evitare di guidare facendolo fare ad una macchina o ad un software, ma è guidare in condizioni migliori (partire in un altro momento). Dobbiamo distinguere tra attività noiose e monotone, per le quali i software sono portati, ed attività che ad oggi sembrano perlopiù dei contrattempi ma che possiamo migliorare.

I “tempi morti” dal mio punto di vista sono importanti. Quante volte vi è capitato di avere un’idea mentre facevate tutt’altro? Magari proprio alla guida o mentre siete in bagno a farvi la barba? I “tempi morti” sono intervalli di tempo durante i quali non fate razionalmente una determinata attività, ma il vostro cervello – fidatevi – sta lavorando eccome. E dietro le quinte sta proprio lavorando a quel problema di AngularJS o WPF che vi affligge. Penso che per vivere e lavorare bene una persona debba assolutamente godere di tempi morti, passati davanti ad un videogioco, alla lettura di un libro, alla guida di un’auto durante una gita fuori porta, in coda alla cassa, in attesa alle Poste o all’ospedale. Come dicevo all’inizio, non siamo individui pensati per produrre e basta, ma dobbiamo soprattutto vivere. Ed i tempi morti sono parte della vita. Personalmente, per lavorare bene ed in modo efficace ho bisogno dei miei tempi di svago, e non riesco a switchare da un’attività all’altra a costo zero, come fa in modo continuo un PC. Prima di passare da un corso all’altro, per esempio, ho bisogno di tempo per fare altro, per staccare la spina un attimo, perchè non è per nulla semplice gestire classi di X persone parlando di tecnologia e di sviluppo del software.

Ritengo che il consumismo sfrenato ci stia un po’ facendo perdere parecchio di vista la bussola della nostra vita. Siccome abbiamo sempre più da fare, sempre più da leggere e da scrivere e da criticare, sempre più da correre e sempre più in fretta, siamo costantemente alla ricerca di blocchi di secondi e minuti da ritagliare qua e là. No, così non va. O perlomeno non è il modo in cui mi piace vivere.

Send to Kindle