Feb 15 / Igor Damiani

San Valentino in trasferta

Esci dal cliente alle 17:30, prendi il pullman che ti riporta in hotel. Entri in camera, metti sotto carica il cellulare, ti rilassi un’oretta, poi esci per cena. Sei solo, in trasferta, e realizzi solo ora che è la sera di San Valentino. Cosa significa questo?

Significa che tutti i ristoranti hanno solo tavolini per due, sono tutti prenotati, hanno tutti un cuoricino come addobbo. Sei in città, gironzoli a vuoto per il centro storico, serpeggiando per viuzze strette e larghe. Cominci ad optare per una piadineria, per una rosticceria qualsiasi, alla ricerca di un trancio di pizza o qualcosa di simile. Ti fai aiutare da Trip Advisor e da Google Maps. Tu passeggi solo sempre più affamato, mentre pian piano arriva l’ora delle coppiette che raggiungono il loro tavolino nel ristorante in cui hanno prenotato per questa sera (speciale?). Le vedi arrivare verso di te: lui e lei che si tengono stretti, le ragazze tutte vestite carine, i ragazzi tutti bellocci. Le ragazze con gonnelline svolazzanti o pantaloni neri lunghi. I ragazzi con cappotti col bavero alzato. Le ragazze truccate alla perfezione. I ragazzi con tutti i capelli ben pettinati. Tacchi e mocassini.

E a te manca lei, che è a centinaia di chilometri di distanza. E faresti carte false per averla lì con te. Per poterla baciare, abbracciare, per poter sentire la sua voce o la sua risata. Ed invece non c’è, se non nel tuo cuore. Ma non basta. Passeggi e cammini. Passi davanti a piadinerie e rosticcerie che ci sono, ma che sono deserte, comprese le teglie che dovrebbero invece ospitare tranci di pizze margherite o piadine con fontina e prosciutto. Tiri dritto, e ritorni pian piano verso il tuo hotel.

Ed eccolo lì, a poche decine di metri, il posto che cercavi. Una pizzeria da asporto aperta, illuminata, piena di gente come te che la sera di questo San Valentino è in trasferta, è in una città che non è la sua. Entri, ordini qualcosa, bevi una coca. Sei pieno e sazio. Il tuo stomaco è pieno e sazio, solo quello. Il tuo cuore rimane triste e solo, ma non ci puoi fare nulla.

Ciao San Valentino, all’anno prossimo!!

Send to Kindle

One Comment

leave a comment
  1. Avenatti Marco / Feb 15 2017

    Già…. E pian piano senti che la distanza diventa sempre più insopportabile, che le serate sono sempre più vuote, che senza di lei ti diverti sempre meno. E comprendi che non puoi più accettare questa condizione passivamente, ma che qualcosa deve cambiare…. E ciò che verrà dovrà essere solo vostro, dai mattino alla sera….

Leave a Comment