Windows Store Api su GitHub

Lo scorso mese di marzo Microsoft ha reso disponibili delle API tramite le quali noi sviluppatori possiamo accedere alle informazioni conservate all’interno dei nostri account Dev Center. Le informazioni sono visibili su questa pagina del blog ufficiale di Microsoft. Con la versione attuale di queste API possiamo quindi facilmente avere accesso a:

  • App Acquisitions (i download)
  • IAP Acquisistions (gli acquisti in-app effettuati dagli utenti all’interno delle nostre app)
  • Ratings (il numero di stelline)
  • Reviews (le recensioni scritte manualmente dagli utenti)
  • App Health (ovver le app failure, le eccezioni scatenate all’interno delle nostre app)

A patto di litigare con Active Directory di Azure ed impostare il nostro Dev Center di conseguenza (guardate il link di prima per tutti i dettagli del caso), e successivamente di reperire Tenant Id, Client Id e Client Secret, possiamo effettuare chiamate http per ottenere oggetti JSON da deserializzare. Possiamo ordinare, applicare filtrare in base al tempo, etc. etc. Ed otteniamo alla fine oggetti che contengono tutte le informazioni che abbiamo richiesto in base alla API invocata.

Se si può servire, sappiate questo: come Brain-Sys abbiamo pubblicato un progetto su GitHub dedicato a questo tema. Il progetto contiene un po’ di codice open-source che dovrebbe semplificarvi un po’ il lavoro. In pratica non occorre più lavorare a basso livello con HttpClient, autenticarsi ed effettuare chiamate via http, ma c’è una libreria di classi (partendo dalla WindowsStoreApiConnector che è il cuore di tutto) molto più semplice ed efficace da utilizzare.

Oltre a tutto questo, da questa mattina trovate anche un bel pacchetto su NuGet pronto per essere utilizzato. E’ una libreria portable, per cui è utilizzabile da console, WPF, qualsiasi applicazione ASP.NET MVC, etc. etc.

Feedback sono ben accetti!

Send to Kindle

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.