[FSX] Orientarsi nella cabina di pilotaggio: tasti, mouse e teoria

Se avete letto e seguito i passi che ho descritto nel mio post precedente, siete in grado di cominciare un volo libero, selezionando le quattro componenti minime e necessarie: velivolo, aeroporto di partenza, condizioni meteo e data/ora.

Riprendiamo da questo punto. Avviate FSX e cominciate un volo libero con i seguenti parametri:

  • Aeroplano : Cessna C172SP Skyhawk. FSX vi propone quello con la livrea bianca. Attivate la casella Mostra tutte le varianti per vedere tutte le altre. Io ho scelto quella arancione/nera.
  • Aeroporto : Sestri Levante, a Genovia, Liguria, Italia. Impostate come posizione di partenza la pista 11, così eviteremo il rullaggio e potrete decollare subito.
  • Meteo : Tempo sereno. Così evitiamo nuvole, pioggia e altre condizioni pericolose.
  • Ora del giorno : giorno, così FSX vi mette a mezzogiorno con il bel tempo. Meglio di così non si può avere. 🙂

Fatto questo, cliccate su Inizia volo ed aspettate il caricamento. Entro pochi secondi (minuti?) FSX vi posizionerà sul vostro Cessna, sulla pista, con i motori accesi e pronti a partire:

 

Prima di decollare veramente, qualche informazione preliminare è d’obbligo
Dunque, ci sono alcune cose da dire. La vista predefinita di FSX è quella del cruscotto del vostro aereo. Per dirla banalmente, state vedendo attraverso gli occhi del pilota, così come succede con i moderni giochi FPS (first-person shooter), da Doom in poi. Da questa vista, potete vedere la pista davanti a voi (lo vedete il numero 11 sull’asfalto, giusto?) e parte del cruscotto. Per guardarvi attorno, tenete premuto SPAZIO e muovete il mouse delicatamente. Dirigerete lo sguardo nella cabina dove volete voi. Ecco ad esempio una vista del lato destro del cruscotto (cockpit):

Questa funzione di FSX si chiama cruscotto virtuale, ed è una novità rispetto alle versioni precedenti di Flight Simulator. FSX è già sul mercato da qualche anno, perciò parlare di novità è un po’ fuorviante. Anche X-Plane, diretto concorrente di FSX, ha una funzione che – da quello che ho visto – è estremamente molto più semplice paragonata a quella di FSX. Aerei di terze parti, sviluppati ad-hoc, hanno implementato il cockpit virtuale in modo molto più realistico e più dettagliato. Ogni singolo interruttore fa quello che farebbe realmente su quell’aereo, e non è un eufemismo: è proprio così. Persino accendere i motori (sugli aerei di default basta un semplice CTRL+E) può richiedere diversi passaggi (pushback, avviamento dell’APU, valvole di accensione, riscaldamento, etc. etc.).

Girare lo sguardo all’interno della cabina serve proprio a questo, cioè ad accedere a tutti i comandi previsti su quell’aereo. Oppure, se state volando con altri amici via LAN o via Internet, serve per volare in formazione: ogni tanto deve buttare l’occhio per vedere se state andando addosso a qualcuno. Oppure ancora, se state volando in solitaria in VFR dovete ogni tanto controllare ciò che vedete dal finestrino per non perdervi: quindi adocchiare città, laghi, fiumi, colline e via dicendo.

Detto questo, passiamo a vedere gli altri tasti fondamentali per volare con FSX:

  • SHIFT+Backspace e SHIFT+Enter permettono di alzare/abbassare lo sguardo. Rispetto al cruscotto virtuale di prima, c’è una differenza: quando usate CTRL+Spazio la vista ruota, esattamente come se steste ruotando la testa, ma non cambia di posizione. Con SHIFT+Backspace e SHIFT+Enter, invece, la vista si alza ed abbassa. Perchè? Io trovo utile questa funzione in fase finale di un atterraggio, quando magari gli strumenti non mi servono più, ma ho più interesse a tenere d’occhio la pista con gli occhi. Alzo lo sguardo…comincio a vedere il muso dell’aereo e ho un punto di vista migliore. Un po’ come quando si parcheggia con l’auto: si alza la testa per guardare il cofano, avanzando lentamente fino a sfiorare il muretto di fronte a noi. Ecco due screenshot:
Vista alzata
Vista abbassata

 

 

 

  • Premendo il tasto S ciclate una serie di viste esterne: cruscotto virtuale (vista sopra), vista osservatore, vista dalla torre di controllo più vicina e ala destra. Quelle che uso più spesso sono ovviamente il cruscotto virtuale e la vista osservatore. Quest’ultima si presenta nel modo seguente:

Carina, no? Da questa vista potete usare l’hat del vostro joystick per girare attorno all’aereo. Ho scelto questa bella inquadratura per farvi vedere la pista ed il mare di Genova.

  • Premendo i tasti “+” (più) e “-“ (meno) potete zoomare (ingrandendo o rimpicciolendo) la vista corrente. Ecco cosa succede se uso CTRL+Spazio per puntare un certo punto del cruscotto virtuale e poi premo “+” un certo numero volte, fino ad arrivare ad uno zoom di 2.0 (lo vedete in alto a destra sullo screenshot).

Così avete un dettaglio infinitamente maggiore sui vari strumenti: velocità in volo, orizzonte artificiale, altimetro, virosbandometro, l’indicatore di prua e l’indicatore di velocità verticale. Basta premere “-“ zoomare all’indietro e tornare alla vista normale

  • Se in qualsiasi momento volete tornare alla vista normale, basta premere CTRL+Spazio ed il gioco è fatto.
  • F5/F6/F7/F8 impostano i flaps del vostro aereo.
    F5 : ritrazione completa dei flaps
    F6 : ritrazione di una tacca dei flaps
    F7 : estensione di una tacca dei flaps
    F8 : estensione completa dei flaps
  • F1/F2/F3/F4 impostano la potenza del motore (manetta).
    F1 : manetta al minimo
    F2 : leggera diminuzione della manetta
    F3 : leggero aumento della manetta
    F4 : manetta al massimo
  • Il tasto G (come Genova, appunto) ritrae/estende il carrello di atterraggio. Per questo volo non ci servirà, perchè il Cessna Skywawk C172CP ha il carrello fisso.
  • Shift+n, dove con “n” intendo un numero che va da 0 (zero) a 9 (nove). La funzione di questo tasto dipende dall’aereo che avete selezionato. Nel nostro caso, ad esempio Shift+2 apre il pannello delle radio, mentre Shift+3 apre il pannello GPS. Ecco ad esempio:

Piccola precisazione: il pannello radio, visibile in basso a destra sullo screenshot qui sopra, lo possiamo vedere e gestire anche attraverso il cruscotto virtuale. L’abbiamo visto prima: basta tener premuto Spazio, muovere il mouse e puntare sulla destra il pannello radio. Però in questo modo si perde la vista sull’ambiente circostante, per definizione. Così facendo, invece (e lo vediamo qui sopra) possiamo tenere gli occhi sul mondo davanti a noi, mentre in bella mostra possiamo impostare le frequenze radio, il transponder ed il pilota automatico, usando il pannellino aperto. Comodo!

Perchè si vede il mare?
Tornate per un attimo a qualche screenshot fa, dove si vede la pista ed il mare. Facciamo mente locale. Abbiamo detto prima che siamo sulla pista 11 dell’aeroporto di Genova. Pista 11 significa che ha direzione 110°. La pista opposta a questa è la 29, con direzione 290°. Attenzione: la pista è unica, solo che può essere utilizzata in entrambe le direzioni. Non contemporaneamente, ovviamente, altrimenti vedreste aerei schiantarsi in mezzo alla pista. Solitamente, gli aerei decollano controvento, e comunque sarà la torre di controllo che, quando vi autorizzerà al rullaggio vi dirà una cosa tipo: “Aereo Cessna, siete autorizzati al rullaggio, portarvi al punto attesa per la pista 11. Richiamare al punto attesa. Passo.”.

Torniamo a noi. Siamo a Genova e decolleremo con prua 110°, saremo diretti verso sud-est. Se avete anche una pur minima idea della geografia italiana, allora capite subito che alla nostra sinistra avremo le Alpi Apuane, mentre a destra avremo il Mar Ligure. Scaricando Plan-G, software gratuito che integra Google Map e FSX, le cose si fanno più chiare:

L’immagine qui sopra è linkata alla versione più grande. Si vede un aereo giallo presso la testata della pista 11: questo è il nostro aereo pronto al decollo, e come vediamo è puntato proprio verso sud-est, prua 110° circa. Si vedono altri tre aerei rossi: questi sono aerei simulati da FSX, pilotati dall’intelligenza artificiale. Se diamo potenza al motore (usando i tasti descritti sopra, oppure più semplicemente con la levetta sul joystick), l’aereo comincerà a prendere velocità. Plan-G aggiorna la vista automaticamente ogni 2 secondi, per cui vedremo l’aereo giallo cambiare la sua posizione man mano che il nostro volo procede.

Ecco, quindi, perchè si vede il mare nella Vista osservatore descritta un po’ più su. C’è il mare perchè è giusto che ci sia, e perchè lo vedrebbe un pilota in quel punto esatto.

Appuntamento al prossimo post, dove (magari con un bel video) faremo un bel girocampo ed atterreremo sulla stessa pista dalla quale stiamo decollati.

Send to Kindle

Commento (1)

  • renzo biella| 27 Maggio 2019

    Il,tasto HAT funziona se non accendo i motori….se accendo i motori non posso spostare la visuale…….

  • Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.